Ebang E11: nuovi ASIC Bitcoin ad alta efficienza da 44 TH/s per combattere Bitmain

0
1158

Stamane, durante la mining conference tenutasi a Tblisi, in Georgia, il produttore di hardware per il mining Ebang ha annunciato tre nuovi prodotti appartenenti alla serie Ebang E11. Si tratta di tre ASIC destinati al mining di Bitcoin e di tutte le monete con PoW basato sull’algoritmo di hashing SHA256.

#Ebang has just announced their next gen miners, the E11 series with 10nm chips up to efficiencies of 45J/TH. That’s for the entire miner at the wall, not the chip. Ebang has maxed out gains for the 10nm process node, and it far exceeds Bitmain’s 7nm stats. #WDMS #miningconf 🍿

Informazioni e privacy per gli annunci di Twitter
Giusto ieri abbiamo visto i nuovi chip a sette nanometri di Bitmain, attesi nei futuri prodotti dell’azienda. Oggi invece, vediamo tre interessanti soluzioni realizzate su di un processo produttivo a dieci nanometri, dunque inferiore di un half-node. Nonostante ciò, le soluzioni di Ebang riescono comunque ad ottenere ottime prestazioni pur mantenendo un’elevata efficienza.

Vediamo insieme i dettagli per i tre modelli.

Ebang E11: nuovi ASIC Bitcoin ad alta efficienza fino a 44 TH/s per combattere Bitmain
Il modello entry-level è l’Ebang E11, caratterizzato da un hashrate massimo di 30 TH/s. L’efficienza è pari a 65 Watt per TH, visto il consumo di 2000 Watt orari. Si tratta di un competitor del WhatsMiner M10. Il secondo modello invece, l’Ebang E11+ vanta un hashrate massimo di 37 TH/s, con un’efficienza di 55 Watt per TH. Invariato il consumo, prossimo sempre ai 2000 Watt ora.

Ebang E11 ASIC Bitcoin Mining

Il terzo ed ultimo modello, quello più performante, è in grado di generare un hashrate massimo di 44 TH/s. In questo caso però, complice forse il binning dei chip o le frequenze operative più contenute, l’Ebang E11++ è in grado di ottenere un’efficienza energetica pari a 45 Watt per TH. Si tratta di un valore da primato, ad oggi il migliore fra i prodotti annunciati. Grazie a tale efficienza, l’ASIC in questione mantiene un consumo allineato ai due modelli precedenti.

Sconosciuti per ora i prezzi, che dovrebbero venir rivelati nei prossimi giorni. Stando però alle voci circolanti in rete, i tre modelli dovrebbero collocarsi nella fascia di prezzo compresa fra i 1500 e 2500 dollari. Vedremo, in attesa delle proposte di Bitmain.

Parlando di disponibilità, le prime unità dovrebbero venir rese disponibili già alla fine di questo mese, con spedizioni entro i primi giorni di ottobre.